martedì 7 agosto 2012

Rapporto insegnanti - genitori



Quanti di voi, genitori ed insegnanti, sono riusciti a mantenere un certo rapporto, magari anche solo di scambio di auguri a Natale, dopo aver terminato un ciclo scolastico o ritenete che sia piu' opportuno o di prassi, interrompere del tutto i vecchi rapporti in favore di quelli nuovi ?


                                                          Raccontiamo le nostre esperienze:




Micaela Spinelli   ha scritto: con il maestro dell scuola primaria di mia figlia (che ha appena terinato la prima media) sono in ottimi rapporti e tutt'ora ci sentiamo e comunichiamo per posta elettronica. Lui segue i progressi della bambina e mi consiglia su come comportarmi nei momenti difficili. E' proprio una persona speciale!
Paola Pagone ‎ ha scritto:  credo dipenda molto dal rapporto che si è riusciti ad instaurare nel corso degli anni..io ho genitori di alunni amici su FB ed altri che ritengo semplici conoscenti ;) Insegnanti delle mie figlie con cui ho mantenuto contatti e che rivedo con gioia..mentre di qualcuno ho rimosso persino il nome!
Daniela Capaldo  ha scritto: Paola Pagone Ritiene utile, piacevole che i suoi ex alunni, qualche volta, si presentano a scuola per salutarla, o e' piu' a favore di un rapporto piu' indiretto con gli ex alunni, magari scambiandosi notizie con i genitori su FB ? e i suoi rapporti con i genitori, gravitano sempre sugli ex alunni, loro figli, o magari su FB parlate di fatti vostri, di quotidianeita' ?
Paola Pagone  ha scritto: Io ho con i miei bambini un rapporto molto affettuoso, di contatto..mi piace abbracciarli e giocare con loro, quindi non c'è nulla di più bello che incontrarli e strapazzarmeli un po'..
Su FB non si parla mai di scuola..qui sono paola ;)
Francesca Veneruso  ha scritto: io continuo a sentire le maestre dell'asilo, ma io non mio figlio, che, sentendosi grande non vuole andare in quella scuola da bimbi, le salute, fa gli auguri ma niente visite
Antonella Berloffa  ha scritto: non ho più mantenuto contatti e sinceramente non ne vedo il motivo, loro facevano il loro lavoro e' finita lì..... 
Lucia Bardi  ha scritto: Ciao, a me e'successo di aver mantenuto i rapporti dopo una supplenza alla materna e un tirocio al nido. Mi hanno contattata per fare poi la baby sitter...e ovviamente il rapporto si e'stretto!! ciao!
Maria Cristina Novello  ha scritto: Io ho mantenuto e mantengo i contatti con la maestra che ho avuto dalla seconda elementare alla quinta. Oltre a classici auguri. Le ho chiesto consigli ad esempio riguardanti la scuola di bimba. C'è da dire che abita nello stesso quartiere/parrocchia dei miei quindi mi capitava e mi capita spesso di incontrarla. Poi sono rimasta legata anche alla scuola che organizza al suo interno eventi culturali aperti al pubblico.
Valentina Merlo  ha scritto: ho 33 anni, sono mamma di due bimbe e sento la mia maestra delle elementari almeno una volta l'anno! questa è la mia esperienza di alunna.. quella da genitore deve ancora cominciare, a settembre
Elisa Persichella ha scritto:  Con alcuni genitori sentirci e incontrarci è ormai una prassi molto gradita!!!! 
Patrizia da Re ha scritto:  io mi sento ancora con alunni ormai trentenni ... devo dire che molti dei miei alunni passati continuano a mantenere rapporti (ora di amicizia) con me e la cosa mi fa piacere!Con alcuni genitori ancora mi sento per gli auguri di compleanno o di natale...
Grandisidiventa Mamme E Bambini  ha scritto: Io credo che tutto dipenda dal rapporto, se c'è un legame forte è bene mantenere i rapporti. Comunque sempre meglio un rapporto amicale in più che uno in meno.
Dada Pasticciona  ha scritto: A me è successo di continuare a sentirmi con alcuni genitori che si erano più legati a me e che durante la scuola erano sempre presenti e collaborativi, pian piano poi si perdono i contatti come è giusto che sia. Io lascio un ciclo meraviglioso e a settembre prima che ricominci la scuola ci troveremo tutti assieme per fare una festa... la stessa cosa sarà per i nuovi che avrò, ci vuole però tempo e voglia.
Solitamente a inizio anno prepariamo un elenco dei bambini dove ogni genitore può decidere di lasciare il proprio numero per favorire le relazioni extra scolastiche fra i bambini. Io ho messo anche il mio numero di cellulare e non ho avuto particolari problemi, anche perché chiarisco subito che va usato solo per casi urgenti. Cmq non rispondo quasi mai e li invito a lasciarmi messaggi che leggo dopo l'orario visto che a scuola il telefono è spento (non trovo educativo farmi vedere con il cellulare) . Quest'anno però verso la fine della scuola un'episodio mi ha fatto cambiare opinione ed ho deciso che non lo darò più. http://dadapasticciona.blogspot.it/2012/04/telecamere-scuola.html
 NoiNonni  ha scritto: Purtroppo in genere succede che ci si perda di vista. E anche i bambini, dopo qualche timido tentativo di "andare a trovare la maestra", poi lasciano stare. Non è bello, ma spesso è così.
 Odilia Tonda  ha scritto: quando sono tanti anni che fai scuola come me (37 il primo ott. ) è un po difficile mantenere i rapporti con tutti, ma adesso grazie a Fb riesco a sentire i miei vecchi alunni...e poi succede anche che ti portano i loro figli e tu ti fai la figura di non riconoscerli + .....
 Margarita Violino  ha scritto: io normalmente non riesco a mantenere un rapporto con i genitori che vanno via dalla mia scuola,però quando li incontro li saluto e magari mi raccontano le novità,io voglio farti una domanda ma secondo te e secondo tutte voi, è giusto dare il proprio numero personale alle mamme della propria classe?
Dina Piazza   ha scritto: Non ho esperienza alle spalle..ma istintivamente credo che sia giusto costruire un rapporto di fiducia all'interno del contesto educativo tra famiglia ed educatrice, ma credo anche che sia necessario lasciare separate vita privata e vita lavorativa, x cui non condivido il fatto che si dia il proprio numero privato.
Elisabetta Beccari  ha scritto: assolutamente niente numero privato. va bene creare un bel rapporto, va bene essere amichevoli, va bene salutarsi e parlare anche fuori dalla scuola. ma ci deve essere cmq un rapporto genitore/educatore.
Valentina Calvi  ha scritto: a me è capitato di lasciare il mio numero privato ad alcuni genitori che ogni tanto mi chiamano x dei baby siteraggi di qualche ora. Io sono contenta di continuare a mantenere il rapporto, anche se poi è normale che pian piano lo si perde, e loro sono + tranquilli a chiamare me che conosco già bene il bambino e viceversa piuttosto che una babysitter qualunque.
Luana Consalvi  ha scritto: a me non è mai capitato di mantenere i rapporti ovviamente se li incontro li saluto molto volentieri però anche io sono contro nel dare il numero privato.
Daniela Capaldo  ha scritto: io sono mamma e alla fine dei tre anni ho avuto il numero di cellulare di entrambe le maestre dietro mia richiesta, non so se lo usero' mai, ma a me e' servito per capire la loro disponibilita' nei miei confronti, proprio in base ad un rapporto costruito in questi tre anni, l'aver avuto il numero, penso sia una conferma di aver costruito un bel rapporto e mi sprona, adesso, a tentare di costruirne un altro, non piu' tra mamma e insegnanti, ma tra tre persone normali.
Valentina Ferri  ha scritto: In alcuni casi è utile, specialmente in situazioni difficili, anche per avere comunicazione con le successive insegnanti. L'importante è che i rapporti si mantengano professionali, per non creare confusione di ruoli.
Gio Mazzanti  ha scritto: Io ogni tanto vado a trovare le maestre della materna xche sono persone speciali.
Valentina Giangualano   ha scritto: ciao! per quanto riguarda me, sono un'educatrice, nn è mai capitato che nessuno telefonasse a scuola per darci gli auguri ..magari se ci incontriamo sono felici e ci si saluta in modo affettuoso..quest'anno abbiamo una pagina su fb dell'asilo, vedremo che succede! :) 
Carla Galvan   ha scritto: per quale ragione questa domanda? Se la Scuola è Comunità per quale motivo andrebbero interrotti i rapporti con genitori e alunni, particolarmente con quelli che hanno condiviso scelte educative e metodologiche?
Anke io continuo ad avere ottimi rapporti con ex alunni maturi, laureati, sposati...
 
Claudia Frati  ha scritto: io con molti genitori ho ancora contatti e anche coi loro figli ormai grandi.Per me è una soddisfazione! 
 Marilisa Tresoldi  ha scritto: come insegnante, con i genitori a cui ti senti più vicino è bello mantenere i rapporti di amicizia
Ada Marra   ha scritto: sono mamma e maestra di asilo nido ho ottimi rapporti di amicizia con genitori di bimbi che tenevo anche 8 anni fa! 
Antonella Suppa  ha scritto: Ho 33 anni e mantengo rapporti con la mia maestra delle elementari di cui conservo un ricordo bellissimo.Lei ora vive in un altra città,due anni andai a trovarla,le feci conoscere mio marito.....spero di riuscire anche a farle conoscere mia figlia ....purtroppo la lontananza non permette una assidua frequentazione.....é stata una maestra di scuola ma ancor di più di vita la mia dolce suor Antonietta !!!!! 
Tonia Galliani de Vallier  ha scritto: Ma dipende,non c'e' una regola..se il rapporto si intensifica andando oltre magari si rimane in contatto anche dopo,altrimenti ci si apre con speranza ad un nuovo ciclo scolastico e di vita !
Paola Popi la Fustigatrice  ha scritto: i mei figli sono alle superiori. alcuni rapporti sono rimasti. i più sinceri. la maggior parte persi ma in realtà "non perso" nulla :)))
Milena Matteo  ha scritto: Se sono vere amicizie rimangono anche se passano tanti anni...altrimenti vuol dire che non ne valeva la pena non hai perso nulla!!!! Io ho le mie figlie grandi ma ancora ho ottimi rapporti sia con le insegnanti delle mie figlie che con alcuni genitori ,ed é bello incontrarsi qualche volta e prendersi un caffé insieme e chiacchierare....
Anna Indiveri  ha scritto: Educare è un'arte che nasce dal cuore e l'intreccio dura per sempre! 
Fabiola Filantropi   ha scritto: mai avuti rapporti simili....un semplice buongiorno e buonasera se li incontro per strada,niente di piu',neanche quando frequentava!!! 
LaMamma Di Bibi Cittadeibimbi   ha scritto: Con una maestra il rapporto e' sopravvissuto al ciclo scolastico terminato: era iniziato bene ed e' finito molto meglio!
Giovanna Cetola   ha scritto: Quando si instaurano rapporti non importa dove o come. Se poi quel dove o come finisce, un'amicizia resta e trova nuovi dove e come...
Sara Polo   ha scritto: io ho 40 anni e quando la mia maestra delle elementari compie gli anni la chiamo ancora... 
Katjuscia Raza ha scritto:
io sono stata titolare per tanti anni di un asilo nido,credo che sia giusto creare un rapporto con i genitori che piano piano si trasforma in amicizia, ci si vede ogni giorno ,per anni ,all'inizio scambi cordiali, poi 2 chiacchiere sui bimbi...
la condivisione da donne, a volte piccoli sfoghi,altre complicità con altre mamme,si prende un caffè...e di colpo non sei più educatrice e mamma ma sono 2amiche...io ho ancora rapporti con i miei bimbi e i loro genitori dopo anni e anni...vado alle loro comunioni,ai battesimi dei fratellini,vengono a casa mia, in estate a trovarmi al mare,si esce anche senza figli e ci si vede per compleanni e a volte si organizzano piccole gite...con le insegnanti dei miei figli invece il rapporto è rimasto formale su loro richiesta, hanno detto sin dall'inizio dell'anno sia elementari che medie che per non creare preferenze o comunque non dover passare le giornate tra compleanni e inviti vari che hanno non avrebbero mai accettato di andare da nessuno ne di chiacchiere extra scolastiche anche se comunque se ci si vede per strada ci si ferma sempre volentieri.
Ambra Valentinuzzi ha scritto:11 agosto 19.51.03
dipende dal ciclo scolastico, in genere ho mantenuto rapporti gradevoli ma da insegnante è una fatica tremenda avere a che fare con i genitori di oggi. Quest'anno non vedevo l'ora che arrivasse la fine delle attività, mi hanno condizionato in maniera assurda con cattiverie d'ogni tipo e assoutamante infondate. Tranne poi ringraziarmi con la finta lacrima l'ultimo giorno, meglio i bambini. Decisamente!
Carla conte  ha scritto: • Sono di quelle insegnanti che continuano a tenere buoni rapporti con i genitori. Anche molti alunni vengono ancora a trovarmi a scuola, soprattutto quelli che hanno fratelli che frequentano la scuola primaria. i genitori di un ciclo precedente (molto affiatati tra loro) spesso organizzano una pizza allo stesso ristorante dove ci siamo salutati in quinta ed è bello seguire la crescita degli alunni e ascoltare le loro scelte di studi. Con molti mi ritrovo con il giudizio che avevo dato loro. Sono una nostalgica?

 
 






10 commenti:

  1. silvia: io sono una mamma di un bambino che a settembre frequenterà la IV, ho letto i vostri commenti e trovo assurdo sentir parlare di insegnanti che a priori decidono di non instaurare rapporti più o meno confidenziali con i genitori. Io non affiderei mai mio figlio nelle loro mani. Ricordiamoci che la vita è fatta di emozioni e di sentimenti e la scuola è sempre stata la prima maestra di vita e non solo serbatoio di nozioni. Io ho un rapporto fantastico con entrambi le maestre di mio figlio e non c'è mai stata nessuna confusione di ruoli.C'è tanta stima, fiducia, rispetto e anche affetto, loro sanno che possono contare su di me e io su di loro. E sicuramente rimarrà così anche dopo la fine del ciclo e il tutto mantenendo sempre dei toni molto formali.
    Comunichiamo spesso anche tramite sms e anche in estate ci siamo sentiti e visto spesso!!e vi assicuro che con un rapporto così mio figlio può trarne solo benefici in termini di fiducia in se tesso e autostima!

    RispondiElimina
  2. Sono perfettamente d'accordo con te Silvia !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristian Depetris sono un educatore che collabora con le scuole e con i ragazzi e le famiglie durante il percorso scolastico. Credo che non sempre i rapporti siano distesi e facili a volte risultano perfino conflittuali. Le testimonianze legate a questo articolo sono buone e parlano di legami disponibili che spesso vengono portati avanti anche dopo il passaggio dell'alunno ad un'altra scuola ma questo non credo sia indispensabile. Un insegnante di cui ho fiducia è disponibile per quanto possibile sul piano affettivo e personale e soprattutto aiuta i ragazzi ad apprendere il programma stabilito. In conclusione con affetto vi chiedo se possiamo predisporci maggiormente al confronto tra ragazzi, insegnanti e genitori sulla definizione del programma e dei modi attraverso cui affrontarlo?

      Elimina
    2. La collaborazione scuola - famiglia e' sempre auspicabile, ma non sempre attuabile, purtroppo, manca, a mio parere, la fiducia tra le due parti e anche la poca chiarezza, e' molto facile fraintendere.
      Grazie per la sua opinione.

      Elimina
  3. io ho creato un gruppo teatrale con gli ex-genitori ed ex-alunni...sono decisamente favorevole a coltivare rapporti duraturi nel tempo!

    RispondiElimina
  4. Sono del parere che il rapporto con gli "ex" non vada interrotto assolutamente!
    Personalmente ho sempre sollecitato genitori ed alunni a farmi sapere quali eventuali difficoltà emergevano nel passaggio al successivo ordine di scuola, anche per "tarare" meglio il mio intervento sui nuovi arrivati: perchè aumentare la lista dei "malcapitati"?!
    Tutt'ora conservo gradevolissimi rapporti con grandi e "piccini"...specie dopo esserci ritrovati su facebook!

    RispondiElimina
  5. Anche io sono favorevole a non interrompere i rapporti con gli ex alunni e con i loro genitori. Da parte mia c'è sempre stata grande apertura e quasi sempre è stata (ed è) ben corrisposta.
    Mi sembra molto interessante anche ciò che scrive Anna Maria Lia in relazione al beneficio che possiamo trarre noi insegnanti dal conoscere gli sviluppi successi in modo da "aggiustare il tiro" nel nostro lavoro (anche se spesso noto che in alcuni aspetti gli alunni delle diverse "generazioni" hanno necessità differenti, a causa delle mutate situazioni sociali, familiari ecc.).

    RispondiElimina
  6. Grazia Scardaci14 novembre 2012 10:13

    nonostante i buoni propositi mi sono spesso ritrovata a perdere le tracce dei bambini che ho visto crescere. Le ragioni sono tante: un lungo precariato con un salto da una scuola ad un'altra e le relative interruzioni di cicli scolastici mio malgrado. Nonostante tutto capita spesso di ritrovare genitori che dopo tanto tempo si ricordano e ti comunicano la crescita del proprio figlio. Tutte le volte mi sento un po' un atomo della loro vita; piccola cosa, insignificante ma costituente di materia. Si, i rapporti vanno coltivati ...

    RispondiElimina
  7. Rita Manzani Di Goro15 novembre 2012 12:03

    Secondo me bisognerebbe creare gruppi affiatati sia con gli ex che con gli attuali genitori. Solo così si può fondare un'effettiva comunità educante.

    RispondiElimina
  8. Anche se i rapporti instaurati sono stati da entrambi le parti basati sul rispetto e stima reciproca, con il tempo ci si allontana o ci si sente solo per le grandi occasioni.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...