giovedì 17 novembre 2011

Insicurezza infantile



Mio figlio in questo periodo e' terrorizzato dalla scuola elementare. Lunedi' prossimo compira' 5 anni e, io penso, visto che gli stiamo un po' tutti dicendo che e' diventato grande, lui associa il suo compleanno con l'inizio della scuola elementare. Seguiro' il consiglio datomi da una mia amica, nonche', maestra di scuola di infanzia, di sfogliare insieme il calendario e contare tutti i giorni che mancano all'inizio della scuola elementare, visto che per il momento le mie rassicurazioni non sono servite. Ho chiesto anche alla sua maestra notizie e ho scoperto che lei pensa che Marco e' un insicuro. Chiede sempre l'approvazione delle maestre quando disegna o fa altre attivita', di fronte a un disegno nuovo, dice sempre che lui non lo sa fare, magari poi invece lo fa e la maestra glielo fa notare lodandolo e ha escogitato una tattica, quella di far ridere, per attirare l'attenzione di due suoi compagni di scuola che lui vorrebbe avere come amici.
Ho pure pensato, visto che e' molto pigro, che il suo chiedere conferme, la sua insicurezza, altro non sia che un sistema per non fare quel disegno o quell'attivita'. Tutto, ma non sapere che e' insicuro, per me la sua insicurezza e' uno schiaffo morale, io odio gli insicuri, ma il bello e' che la colpa e' mia, sono io che lo rendo insicuro, sono io che con il mio carattere forte lo soffoco. A casa quando lavoriamo insieme, non chiede conferme, non mi dice non lo so fare, ma sicuramente, come dice la mia amica maestra, forse sono io che inconsapevolmente gli preparo la strada, gli offro la cosiddetta "pappa pronta". Dovrei prima cambiare io per ottenere un figlio sicuro e non e' per niente facile, anzi impossibile, io sono cosi' orgogliosa di come sono, mi sono costruita pezzo pezzo rubacchiando qua e la' sentimenti, metodologie, esperienze. Ho deciso di studiare questo problema e naturalmente di aiutare mio figlio, ho trovato questi articoli che mi sono sembrati interessanti:
http://www.psicologi-psicoterapeuti.com/articoli/attacamento.htm

http://www.slideshare.net/nunzia.tarantini/il-disegno-infantile-tratti-di-introversione

http://www.blitzquotidiano.it/ladyblitz/insicurezza-infantile-302258/


8 commenti:

  1. Scusa se intervengo ma non mi pare il caso che tu ti colpevolizzi per la presunta insicurezza di tuo figlio: lui deve essere sicuro del tuo amore incondizionato a prescindere da come è...
    E poi penso che dare etichette tipo "è sicuro" "è insicuro" oppure "è cattivo" "è pigro" ecc. possa essere molto controproducente e accentuare un problema che visto da un altro punto di vista magari problema non è. Di tutto hanno bisogno i nostri figli tranne che di sentirsi giudicati.
    Posso solo invitarti a divertiti assieme a tuo figlio a fare quello che più vi piace: dipingere disegnare giocare a palla e stai scialla.
    I figli crescono "nonostante" noi...nostro compito è quello di accompagnarli nel loro percorso e aiutarli a crescere.
    Il fatto di cercare di far ridere i compagni per attrarre l'attenzione è assolutamente normale: a tutti piace essere considerati e desiderati no?
    Un saluto dalla mamma più imperfetta che c'è ;-))))

    RispondiElimina
  2. giusi santangelo17 novembre 2011 22:16

    far ridere i compagni è normale finchè non si esagera , perchè se è una cosa che si ripete troppo spesso è sintomo di un disagio

    RispondiElimina
  3. Ciao Anna, grazie per i tuoi consigli preziosi, si a volte presa dalla sorpresa dell'evento, vedo tutto nero, ma adesso gia' va meglio. Godiamoceli sti figli e basta !!!

    RispondiElimina
  4. Vedo che la mia amica maestra e' intervenuta ! Attenzione lei ci osserva e poi fa la maestra soprattutto con noi mamme

    RispondiElimina
  5. giusi santangelo17 novembre 2011 22:45

    come mi fai incaz....quando dici così .............non è vero o si bohhhhhhhhh io ti dico quel che penso , come sta storia delle orecchie grandi che denotano insicurezza di solito ai bambini per far capire che esistono le orecchie glielo si deve dire tante volte ..............chissà magari alla fine le fanno enormi per far vedere come ti hanno capito bene ............non si può calare un testo scritto su un qualsiasi bambino chiunque esso sia come fanno certe persone è assurdo , ci possono essere mille motivi per come disegnano UFFA

    RispondiElimina
  6. Maestra non ti arrabbiare !
    Si cerca di interpretare il pensiero del bambino, ma si capisce che non e' tutto oro colato, puo' dare un'idea, i disegni come i sogni sono solo indicativi e a volte effettivamente possono indicare l'opposto

    RispondiElimina
  7. Visto che abbiamo la maestra approfittiamone: meglio esprimere un disagio facendo ridere piuttosto che in altro modo, che so...menando gli altri per esempio...ed un disagio esternato è già mezzo risolto...o no? ;-)))

    RispondiElimina
  8. giusi santangelo18 novembre 2011 21:12

    ma è sempre un disagio da non sottovalutare , non si paragona il modo di manifestarlo ma si cerca il metodo per risolverlo ..........almeno ci si prova

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...